Taglio eletti e proporzionale sono questioni differenti

Non c’è rapporto tra il quesito referendario sulla legge che riduce il numero dei parlamentari eletti, da un lato, e il dissolversi dell’accordo nella attuale maggioranza per la riforma elettorale in senso proporzionale, dall’altro. Ridurre il numero degli eletti migliora la qualità e la trasparenza del dibattito parlamentare, quindi il funzionamento della democrazia rappresentativa; scegliere un sistema più o meno proporzionale attiene solo alla distribuzione degli eletti e lascia invariato l’istituto rappresentativo.
Chi vuole realizzare il concreto cambiamento oggi possibile, al referendum vota SI per tagliare insieme il numero degli eletti e il vizio del potere di prosperare conservando più posti da distribuire.

Comitato IL SI DELLE LIBERTA’

Questa voce è stata pubblicata in COMUNICATI STAMPA (tutti), sul tema Quadro politico e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.