L’identità dell’ELDR (a Stefano Folli)

Egrego Direttore,

debbo purtroppo constatare che ancora una volta la redazione del Corriere ha stravolto il senso dell’identità politica dei Liberali Europei, ELDR. Infatti, nel commento alla proiezione sul futuro Parlamento Europeo riportata a pag.15 del Corriere di oggi, si scrive testualmente “.. la vera incognita è rappresentata dal nuovo gruppo dei liberali (frutto del recente accordo tra Francesco Rutelli e Francois Bayrou) “. E di seguito, nella tabella illustrativa, si indica il Partito ELDR come gruppo di centro sinistra e non come liberale ( mentre nella stessa tabella i Popolari e i socialisti sono definiti con il loro nome e non con la presunta collocazione).

Chiunque, anche il lettore più smaliziato, può capire solo due cose. La prima è che su iniziativa di Rutelli e di Bayrou è stato costituito un nuovo gruppo liberale. E invece l’ELDR esiste da trenta anni per iniziativa di Giovanni Malagodi, nel parlamento uscente già comprendeva 57 deputati e rappresenta partiti che sono al governo in numerosi paesi dell’Unione, anche con diversi primi ministri in carica, ad esempio in Belgio, Danimarca, Finlandia, Slovenia. La seconda cosa che tutti capiscono è che il Partito Liberale Europeo è un gruppo di centro sinistra. E invece – come è scritto con chiarezza nel rapporto inglese a base della proiezione, distribuito con prefazione del Presidente dell’Europarlamento, il liberale Cox – il Partito Liberale è semplicemente un partito Liberale e dunque di centro, che , a seconda delle situazioni e i temi nazionali od europei, può formare coalizioni con i popolari oppure con i socialisti ( e infatti i primi ministri sopra citati sono appoggiati da maggioranze tra di loro differenti).

Siccome è la quarta volta che negli utlimi due mesi Le scrivo per segnalarLe “casuali” errori della Sua redazione nel riportare notizie sui liberali europei, ma gli errori continuano invariabilmente, La invito, ai sensi della legge sulla stampa, a pubblicare questa rettifica con la stessa evidenza dell’erroneo pezzo odierno.

Questa voce è stata pubblicata in LETTERE (tutte), su questioni politiche e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.