Una voce dal sen fuggita mostra il vero retropensiero

“Parlando sulla legge Mammi, il sen.Cabras ha ripetuto il solito armamentario della sinistra DC ( abolire il tetto pubblicitario RAI e le interruzioni pubblicitarie nei films) , ma ha aggiunto una frase importante, di ritenere cioè che su queste proposte esista una maggioranza tra PCI e la sinistra DC. Se sia vero lo vedremo. Fin d’ora sappiamo però quale è la piattaforma programmatica di questa ipotetica maggioranza. Una cultura regressiva e al fondo oscurantista che invece di servire il cittadino vuole indottrinarlo.

Le proposte della sinistra DC sulla RAI sono appunto funzionali a questo obiettivo. Lasciar mano libera alla RAI nella raccolta della pubblicità , significa distorcerne la funzione di servizio pubblico e rilanciare una concorrenza drogata alle TV commerciali. Voler difendere i diritti degli autori abolendo per legge le interruzioni pubblicitarie nei films, significa strangolare le piccole TV private. Nell’uno e nell’altro caso , lo scopo della sinistra DC è dar nuovo ossigeno ad arnesi monopolistici che sono i migliori per imporre all’utente quali programmi vedere e che sono stati e sono fertile terreno di potere . La sinistra DC a parole proclama di battersi a favore degli utenti , nei fatti punta ad imbrigliare il pluralismo televisivo , a seminare conformismo , a rinsanguare le proprie lobbies.

L ‘importanza dei principi in gioco fa sorgere l’obbligo politico del voto palese perchè ciascuno esprima responsabilmente le proprie scelte politico – culturali. In ogni caso, il fatto che il “nuovo PCI” continui a prestarsi a queste operazioni di retroguardia, testimonia il suo attardarsi su vecchi schemi e la sua perdurante incapacità di misurarsi sulle dinamiche di governo della nostra società.”

Questa voce è stata pubblicata in sul tema Conoscere, sul tema Proposte, sul tema Quadro politico e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.